Tutti pazzi a Tel Aviv

Tutti pazzi a Tel Aviv

Titolo Originale: Tutti pazzi a Tel Aviv
Nazione: Francia, Israele, Lussemburgo, Belgio,
Genere: Commedia
Durata: 97′
Anno: 2018

Regia: Sameh Zoabi
Cast: Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton, Maisa Abd Elhadi, Nadim Sawalha, Salim Dau, Yousef ‘Joe’ Sweid, Amer Hlehel, Laëtitia Eïdo…

Trama: In Israele tutti sono pazzi per la soap opera Tel Aviv on Fire, ambientata nel 1967, in cui una spia palestinese ha una storia d’amore con un generale israeliano. Salam, un affascinante palestinese trentenne che vive a Gerusalemme, lavora come stagista per la soap e ogni giorno deve passare attraverso alcuni checkpoint israeliani per raggiungere gli studi televisivi. Ha così modo di incontrare Assi, il capo dei controlli la cui moglie è una grande fan del programma. Per far piacere alla consorte, Assi minaccia Salam affinché modifichi la trama della soap. Salam, dal canto sua, realizza che più che una minaccia il cambiamento potrebbe rivelarsi una fortuna per la sua carriera di sceneggiatore. Le cose andranno per il verso giusto fino al giorno in cui Assi e i produttori non si saranno d’accordo su come dovrebbe finire la soap, mettendo nei guai Salam.Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


Note: TUTTI PAZZI A TEL AVIV: SCHERZARE SUL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE
Diretto da Sameh Zoabi e sceneggiato dallo stesso con Dan Kleinman, Tutti pazzi a Tel Aviv racconta la storia di Salam, un affascinante palestinese di trent’anni che vive a Gerusalemme e che lavora come stagista sul set di una popolare soap opera, Tutti pazzi a Tel Aviv. Prodotta a Ramallah con lo zio del giovane come frontrunner, la soap ha come protagonista un’attrice francese che a malapena parla arabo e di cui Salam si conquista sin da subito i favori.